Asmarina al Teatro Palladium!

Venerdì 11 marzo alle 20.30 al Teatro Palladium (Piazza Bartolomeo Romano, 8 – Garbatella) si terrà la proiezione del documentario “Asmarina” di Alan Maglio e Medhin Paolos

Ingresso libero

A seguire la proiezione del documentario (2015, 68′), un Q&A con gli autori Alan Maglio e Medhin Paolos, e con: Amr Adem (Coordinamento Eritrea Democratica), Paula Baudet Vivanco (Rete G2-Seconde Generazioni), Viviana Gravano, Giulia Grechi (Routes Agency), Giusy Muzzopappa (Libreria GRIOT), Alessandro Triulzi (Archivio Memorie Migranti) Modera: Leonardo De Franceschi (Cinemafrica/Cinemafrodiscendente)

Bozza header 1“Asmarina” è un documentario realizzato all’interno della comunità habesha di Milano. La comunità eritrea/etiope è presente in Italia da almeno mezzo secolo, integrata nel tessuto cittadino in maniera attiva. A partire dai documenti fotografici che costituiscono la memoria collettiva della comunità, il film raccoglie l’eredità delle storie personali, indagando le sfumature dell’identità, della migrazione e delle aspirazioni delle persone. Ne risulta una narrazione corale che porta alla luce una eredità postcoloniale fino ad oggi poco approfondita e porta a confrontarsi varie generazioni. Presentato in anteprima al Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina nel maggio 2015, il film arriva oggi per la prima volta a Roma, l’11 marzo. Il 10 marzo 1882 il Regno d’Italia acquistava dalla società genovese Rubattino la baia di Assab, segnando l’inizio dell’avventura coloniale italiana proprio in Eritrea, da cui oggi continuano a giungere sulle nostre coste migliaia di profughi ogni anno, in fuga da un regime autoritario e liberticida.

L’evento è organizzato da Cinemafrica/Cinemafrodiscendente e Routes Agency in collaborazione con Coordinamento Eritrea Democratica, Rete G2-Seconde Generazioni, Libreria GRIOT e Archivio Memorie Migranti.

TRAILER: https://youtu.be/mCKl0mcVhqk

SITO UFFICIALE: http://asmarinaproject.com/it/

Creative Commons Attribuzione

I contenuti di questo sito sono rilasciati con la licenza
Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License
ad esclusione delle immagini di copertina.