“Il continente verde. L’Africa: cooperazione, ambiente, sviluppo

Domenica 26 giugno alle 19.00 GRIOT presenta il libro “Il continente verde. L’Africa: cooperazione, ambiente, sviluppo”, a cura di Jean-Léonard Touadi e Ilaria Cresti

Saranno presenti i curatori del volume, assieme ad alcuni degli autori dei saggi


La relazione tra sviluppo e ambiente è molto stretta, e non declinata unicamente in termini di salvaguardia e di protezione. Valorizzare un ecosistema, salvaguardarlo da atti predatori, distruttivi e orientati soltanto a uno sfruttamento di rapina significa preservarne la capacità di generare risorse, anche economiche. I progetti di cooperazione finalizzati alla tutela ambientale e alla valorizzazione di processi di sviluppo locali sostenibili rispetto alle risorse disponibili, soprattutto in aree considerate fragili dal punto di vista ecologico e socio-economico, necessitano di strumenti teorici, scientifici e culturali sempre più raffinati perché diano risultati efficaci. “Il continente verde”, curato da Jean-Léonard Touadi e Ilaria Cresti e edito da Bruno Mondadori, raccoglie i contributi di esperti di vari settori che compongono il variegato universo della cooperazione. Lo sguardo è orientato all’Africa sub-sahariana e ai diversi e ricchissimi ecosistemi che questo sterminato territorio ospita. Un continente verde per queste risorse, che possono essere volano di uno sviluppo davvero sostenibile, che inquadri l’uomo all’interno dell’ambiente in cui vive e che è chiamato a tutelare.

Ilaria Cresti è ricercatrice impegnata sui temi della gestione delle risorse forestali in Africa sub-sahariana e dello sviluppo sostenibile.

Jean-Léonard Touadi, scrittore e giornalista, insegna Geografia economico-politica all’Università di Tor Vergata. Tra i suoi libri, “Africa. La pentola che bolle” (2003), “Congo. Ruanda. Burundi. Le parole per conoscere” (2004) e “L’Africa in pista” (2006).


Creative Commons Attribuzione

I contenuti di questo sito sono rilasciati con la licenza
Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License
ad esclusione delle immagini di copertina.