Dopo i fatti di Torino e Firenze, prendiamo la parola contro il razzismo da GRIOT

Sabato 17 dicembre, a partire dalle 17.30 prendiamo la parola contro il razzismo da GRIOT

In questi ultimi giorni l’Italia è stata sconvolta da due fatti di una gravità inaudita: il pogrom di Torino contro un campo nomadi dopo la denuncia – falsa, ma questo non ha alcuna importanza – di una ragazza che aveva indicato in due rom i suoi stupratori, e l’esecuzione di Samb Modou e Diop Mor, i due commercianti senegalesi giustiziati a Firenze da un estremista di destra già noto alle forze dell’ordine, poi morto suicida. Fatti di una violenza sconcertante, ma non del tutto imprevedibile, che si inseriscono in una lunga catena di aggressioni, intimidazioni, minacce e violenze accomunate da un solo denominatore: non la follia, ma il razzismo. Non imprevedibili, perché l’escalation di violenza razzista che ha conosciuto il nostro paese negli ultimi anni non è casuale, ma è figlia di un discorso politico che ha progressivamente sdoganato le opinioni e le espressioni più apertamente xenofobe e razziste, ha reso dicibili cose e idee indicibili, ha prodotto un consenso attorno a pratiche quotidiane che escludono, marginalizzano, discriminano. Questa violenza toglie le parole, ammutolisce: ma noi pensiamo che sia dovere di tutti quelli che rifiutano il razzismo e l’odio xenofobo prendere la parola, chiamare le cose con il loro nome, testimoniare di un’Italia che soffre, arranca, fatica a vedere un futuro, ma non per questo dimentica i valori su cui si regge, quelli enunciati dalla nostra Costituzione che si impegna a riconoscere e garantire i diritti inviolabili dell’uomo (art. 2) e a ripudiare qualsiasi forma di discriminazione (art. 3).

Per questo noi di GRIOT vogliamo invitare chi in questi anni ha sostenuto, con il suo tempo e il suo talento, il nostro tentativo di offrire un punto di incontro a tutti quelli che credono che la cultura possa essere un mezzo efficace per far incontrare – e non scontrare – persone diverse: vogliamo invitarvi a prendere la parola, a indignarvi a voce alta, a raccontare, a spiegare, a testimoniare di un’Italia diversa. E soprattutto, a ricordare, ma non in silenzio, le vite spezzate dei due uomini morti a Firenze.

Sabato pomeriggio, a partire dalle 17.30, vi aspettiamo in libreria. Senza programma né scaletta, chi vorrà prendere la parola potrà farlo per qualche minuto: vorremmo essere in tanti, guardarci tutti negli occhi, riconoscerci e, soprattutto, parlare, tentare con le parole di individuare dei limiti oltre i quali non vogliamo più andare. Alle 20.30, vi invitiamo a partecipare alla serata organizzata al Teatro Centrale Preneste dal Circolo Gianni Bosio “Roma forestiera: Musiche Migranti a Roma”: in scena, i musicisti di “Istaraniyeri”.


Creative Commons Attribuzione

I contenuti di questo sito sono rilasciati con la licenza
Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License
ad esclusione delle immagini di copertina.