Presentazione del progetto “Immaginari (post)coloniali”

Domenica 12 ottobre, alle 18.30, GRIOT presenta il progetto “Immaginari (post)coloniali”, promosso da Routes Agency, AMM – Archivio delle memorie migranti e IRSIFAR

Interverranno alla presentazione Giulia Grechi, ricercatrice e docente all’Accademia di belle arti di Brera, Viviana Gravano, curatrice e docente all’Accademia di belle arti di Napoli, Alessandro Triulzi, docente di Africanistica presso l’Università di Napoli “L’Orientale” e presidente di AMM – Archivio delle memorie migranti, e la scrittrice Igiaba Scego

Locandina "Immaginari (post)coloniali"L’Italia sta vivendo ormai da decenni una sostanziale difficoltà nell’entrare in relazione con qualsiasi forma di “diversità”. Alle politiche espresse in sede istituzionale per “gestire” (o sarebbe meglio dire “combattere”) il fenomeno delle migrazioni contemporanee, corrisponde spesso un atteggiamento diffuso di chiusura nei confronti di chi cerca di esercitare un diritto universale di ogni essere umano, quello di spostarsi liberamente. Questo atteggiamento è profondamente radicato, e non si nutre solo di ragionamenti più o meno espliciti, ma di un immaginario che per generazioni gli italiani hanno quotidianamente assorbito dalla cultura popolare che li ha formati. Canzoni e filastrocche, pubblicità e film, giochi e proverbi, gli esempi di espressioni della cultura popolare che contengono immagini o idee apertamente razziste sono infiniti, e non possono essere analizzati senza ripercorrere il lungo e dimenticato capitolo della colonizzazione italiana e delle vicende storiche, economiche e sociali che hanno traghettato l’Italia e i paesi colonizzati nell’epoca postcoloniale, fino ai giorni nostri. Ricordi e memorabilia custoditi da ciascuno di noi, dalle nostre famiglie, nelle nostre soffitte o cantine sono frammenti essenziali di questa ricostruzione storico-sociale, necessaria all’Italia contemporanea che fino ad oggi si è guardata allo specchio raccontandosi svariate frottole (“Italiani brava gente”, “il colonialismo italiano è stato diverso/insignificante/straccione”, e via discorrendo).

Domenica 12 ottobre, alle 18.30, vi aspettiamo da GRIOT per parlare di tutto questo: interverranno Giulia Grechi (ricercatrice e docente all’Accademia di belle arti di Brera) e Viviana Gravano (curatrice e docente all’Accademia di belle arti di Napoli) per presentare il loro progetto insieme a Alessandro Triulzi, docente di Africanistica presso l’Università di Napoli “L’Orientale” e presidente di AMM – Archivio delle memorie migranti, uno dei principali partner del progetto, e alla scrittrice Igiaba Scego.

Creative Commons Attribuzione

I contenuti di questo sito sono rilasciati con la licenza
Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License
ad esclusione delle immagini di copertina.