Presentazione di “La Grande A” di Giulia Caminito (2016, Giunti editore)

Sabato 14 gennaio 2017, alle 18,30 GRIOT presenta “La Grande A” di Giulia Caminito (Giunti editore). Saranno presenti, insieme all’autrice, Sandro Triulzi e Giuliana Zagra.

Giada acaminitorriva ancora bambina in Eritrea, in quella che lei chiama ”La Grande A‘, al seguito della madre, camionista e contrabbandiera nelle ex-colonie italiane. Nella cittadina sul Mar Rosso troverà una realtà diversa da quella che immaginava piena di avventure e meraviglie, e incontrerà persone con cui intreccerà la sua vita e quella della sua famiglia.

Liberamente ispirato alla biografia di famiglia, ”La Grande A” è il primo romanzo di Giulia Caminito che racconta un pezzo dimenticato di storia italiana con una scrittura inventiva e spiazzante.

Romana al suo esordio, Giulia Caminito non ha ancora trent’anni ma è tra i pochi scriventi degni di essere chiamati scrittori, ché la sua è una scrittura originale e sicura, frasi brevi, continui a capo, osservazioni che vengono da azioni, concretezza e curiosità da adolescente, qui per la storia di famiglia e per quella più grande, vista bensì dalle vicende di una famiglia (o stirpe) non rara. (Goffredo Fofi, Internazionale)

Giulia Caminito è nata a Roma nel 1988 e si è laureata in Filosofia politica. Suo padre è originario di Asmara, sua nonna e suo nonno si sono conosciuti ad Assab, la sua bisnonna fu guidatrice di camion, contrabbandiera di alcolici e personalità vivace della comunità italiana d’Etiopia ed Eritrea. Giulia oggi vive a Testaccio e lavora per una casa editrice romana. La Grande A è il suo primo romanzo.

Giuliana Zagra, promotrice culturale, si occupa della letteratura italiana, valorizzazione di collezioni speciali e biblioteche d’autore, in particolare dell’archivio Morante. Organizza mostre, incontri, rassegne, convegni, passeggiate letterarie.

Sandro Triulzi, storico dell’Africa, studia la storia e la memoria dei colonizzati e dei colonizzatori nel Corno d’Africa. E’ fondatore e presidente dell’Archivio delle Memorie Migranti, associazione impegnata nel tentativo di dare vita a un nuovo modo di comunicare, partecipato e interattivo, che lasci traccia dei processi migratori in corso e allo stesso tempo permetta l’inserimento di memorie ‘altre’ nel patrimonio collettivo della memoria nazionale e transnazionale.

Vi aspettiamo sabato 14 gennaio alle 18,30! 

Creative Commons Attribuzione

I contenuti di questo sito sono rilasciati con la licenza
Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License
ad esclusione delle immagini di copertina.