Rivera, Annamaria | Guerra dei simboli. Veli postcoloniali e retoriche sull’alterità | Dedalo 2005

Rivera, Annamaria | Guerra dei simboli. Veli postcoloniali e retoriche sull’alterità | Dedalo 2005

Un tentativo di decostruire i luoghi comuni che informano l'attuale terribile retorica sullo scontro di civiltà

La nozione di civiltà sembrava in declino nei recenti sviluppi delle scienze umane, eppure ora sembra informare totalmente il dibattito sull'alterità, attraverso le due strategie opposte e complementari del terrorismo e dello scontro di civiltà. A quest'ultima proclamano di opporsi le retoriche del multiculturalismo e del relativismo, che di fatto consolidano una visione delle culture come entità statiche e, perciò, incomunicabili e contrapposte. Sviluppando la riflessione iniziata con l'Imbroglio etnico, Annamaria Rivera concentra la critica sulle attuali retoriche dell'alterità prendendo di mira queste ultime posizioni e cominciando dall'analisi di un luogo comune etnografico, il dibattito sul cosiddetto velo islamico e sul controllo del corpo e della sessualità femminile attraverso l'uso di segni e simboli esteriori. E' da questa vicenda, infatti, che le attuali retoriche sull'alterità e sullo scontro di culture hanno trovato forza retorica. “Il pensiero dei Lumi ha sempre contenuto un lato oscuro, teso a sacrificare le parti alla totalità, a nominare una superiorità e un'inferiorità, a ricondurre il non identico all'identico un lato che oggi riemerge sommergendo il grandioso progetto di emancipazione e la straordinaria promessa di liberazione che l'illuminismo conteneva. Come antidoto, non si tratta di invocare il «diritto alla differenza » o di accontentarsi di rispettare le particolarità, né di compiacersi di un relativismo culturale pigro, muto, sterile”.

Titolo: Guerra dei simboli. Veli postcoloniali e retoriche sull'alterità.
Autore: Rivera Annamaria
Editore: Edizioni Dedalo
Anno: 2005

14,00€Price:
0,00€P&P:
Loading Updating cart...

Creative Commons Attribuzione

I contenuti di questo sito sono rilasciati con la licenza
Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License
ad esclusione delle immagini di copertina.