Vidal-Naquet Pierre |Lo stato di tortura | Res Gestae

Vidal-Naquet Pierre |Lo stato di tortura | Res Gestae

Per molto tempo siamo stati abituati a pensare che la tortura venga messa in opera esclusivamente dai regimi assolutisti o dittatoriali, nemici delle “libertà”. La guerra al terrorismo e gli scandali emersi sulle violenze inflitte ai prigionieri, come a Guantano, hanno fatto vacillare il rassicurante luogo comune. Tuttavia, è altrettanto errato considerare quanto appena accaduto come una pratica necessaria ed eccezionale, o come un abuso: il rapporto tra democrazia e tortura è di antica data. In questo sconvolgente testo, infatti, lo storico Pierre Vidal-Naquet indaga e denuncia le violazioni sistematiche dei diritti umani ad opera delle forze armate francesi in Africa durante la guerra franco-algerina del 1954-1962 e, in particolare, dei paras agli ordini del colonnello Massu. Non solo, analizza e mette in risalto le difficoltà della Francia – dei suoi cittadini e dei suoi intellettuali “democratici” – nel rendersi conto della gravità delle violazioni compiute in difesa della propria posizione colonialista. La sua analisi impietosa, allora, obbliga a riflettere più profondamente su quelle forme di violenza più che mai diffuse e persistenti anche al giorno d’oggi

Titolo: Lo stato di tortura. La guerra d'Algeria e la crisi della democrazia francese
Autore: Vidal-Naquet Pierre
Editore: Res Gesta
Anno: 2012 pagg. 226
ISBN: 9788866970002

16,00€Price:
0,00€P&P:
Loading Updating cart...

Creative Commons Attribuzione

I contenuti di questo sito sono rilasciati con la licenza
Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License
ad esclusione delle immagini di copertina.