Fusaschi, Michela ( cur.)|Rwanda: etnografie del post-genocidio|Meltemi 2009

Fusaschi, Michela ( cur.)|Rwanda: etnografie del post-genocidio|Meltemi 2009

La complessità e la profondità dello sguardo etnografico tornano sul terreno della tragedia che si consumò in Africa ormai più di vent'anni fa

Nel 1994 in Rwanda consumò in alcuni mesi quello che viene oggi considerato pressoché da tutti un genocidio, di fronte al quale la comunità internazionale e i media rimasero però praticamente indifferenti. A distanza di tempo, sostiene Michela Fusaschi, curatrice dell'opera, sono molte le domande a cui bisogna dare risposta, a partire dalla stessa definizione della barbarie che si consumò allora. Sono domande dovute alla necessità di rielaborare nel presente le conseguenze sociali e politiche di questa memoria. Si può davvero parlare di " doppio genocidio" o di " genocidi rwandesi" di fronte le vendette tstutsi contro gli hutu? Come comportarsi con le vittime ( le donne stuprate, gli orfani ecc.) e gli esecutori del genocidio? Come condurre il processo di riconciliazione? Di fronte alle dilaganti analisi " mordi e fuggi" dei giornalisti o dei " professionisti dell'umanitario" la scelta etnografica offre non solo, come dice Nancy Scheper-Hughes, una visione complessa, " culturalmente trasversale", per provare a rispondere a queste e molte altre domande, ma costringe il ricercatore, non oggetto, ma soggetto attivo dello studio, a prendere posizioni ponderate e, in virtù questo, anche eticamente difficili.

21,00€Price:
0,00€P&P:
Loading Updating cart...

Creative Commons Attribuzione

I contenuti di questo sito sono rilasciati con la licenza
Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License
ad esclusione delle immagini di copertina.