“Non spegnerai la mia dignità” – Presentazione di “Le mie poesie più belle” di Nizar Qabbani (Jouvence)

jouvence-qabbani-mie-poesie-belle.indd  Tre incontri sulla Siria.  La Libreria GRIOT, dal 15 al 17 dicembre, dedica tre giorni di incontri dedicati alla Siria, alla sua poesia, ai suoi bambini e al suo futuro.

Sabato presentiamo la raccolta “Le mie poesie più belle” del poeta siriano Nizar Qabbani (Jouvence 2016, trad. di Silvia Moresi e Nabil Salameh). Nizar Qabbani (1923 – 1998) è stato il cantore dell’amore per intere generazioni di siriani e arabi e i suoi versi hanno ispirato decine di canzoni e di storie d’amore. Ha cantato l’amore per la donna e per i destini sfortunati di un Oriente distrutto da guerre e sconfitte. Le mie poesie più belle è la raccolta dei suoi versi prediletti ed esce a quarant’anni dall’ultima traduzione pubblicata in Italia delle sue poesie. Ne parliamo con Silvia Moresi, curatrice e traduttrice dell’opera, e Simone Sibilio, docente di Letteratura araba all’Università Ca’ Foscari di Venezia ed esperto di poesia araba. Introduce Chiara Comito, arabista e blogger di editoriaraba.

Creative Commons Attribuzione

I contenuti di questo sito sono rilasciati con la licenza
Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License
ad esclusione delle immagini di copertina.