Presentazione del laboratorio “Black Italians” a cura di Mauro Valeri

Domenica 26 febbraio, alle ore 18.30, Officina GRIOT presenta il nuovo laboratorio “Black Italians. Ovvero come sopravvivere con la pelle nera nell’Italia della Bossi-Fini”

Interverranno Mauro Valeri, curatore del laboratorio, e Jean-Léonard Touadi, giornalista e parlamentare

Il preoccupante ritorno del concetto di “razza” nel senso comune e nel dibattito scientifico è l’espressione di un neorazzismo che continua a basarsi anche sul diverso colore della pelle. Tutto ciò in un momento in cui la popolazione “non bianca” italiana è diventata una realtà statisticamente significativa, che vive questa differenza con una notevole tensione, proprio in quanto minoranza. Ciò è particolarmente evidente in alcuni ambiti, da quello familiare (nel caso di coppie “miste” o coppie con figli adottivi “neri”) a quello scolastico, a quello burocratico.Officina GRIOT propone un laboratorio in cui questi nodi verranno affrontati da diversi punti di vista, da quello socio-antropologico a quello storico, psicologico, pedagogico. Gli incontri (otto in tutto) saranno curati da Mauro Valeri, sociologo e psicoterapeuta da anni impegnato nella ricerca e nel monitoraggio sui fenomeni del razzismo e della xenofobia. Il laboratorio è stato pensato per coloro che, per curiosità o per interesse professionale, desiderano dotarsi degli strumenti necessari a riconoscere e contrastare efficacemente il fenomeno del razzismo: in particolare, pensiamo possa interessare a insegnanti, giornalisti, operatori sociali, educatori interculturali, genitori di bambini adottivi o cosiddette “coppie miste”, funzionari della pubblica amministrazione, del servizio sanitario, delle forze dell’ordine.

Assieme a Mauro Valeri, interverrà alla presentazione Jean-Léonard Touadi, giornalista e membro del Parlamento italiano.

Nota: L’immagine è utilizzata secondo i termini Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license. Attribuzione: Presidenza della Repubblica

Creative Commons Attribuzione

I contenuti di questo sito sono rilasciati con la licenza
Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License
ad esclusione delle immagini di copertina.